06 feb 2018

FRANCIACORTA IN BELGIO PER TRUE ITALIAN TASTE

Tanti consorzi presenti all’ambasciata di Bruxelles per combattere il fenomeno dell’Italian Sounding e difendere il Made in Italy nel mondo. 

Franciacorta non poteva certo mancare tra i consorzi presenti a Bruxelles ieri, 5 Febbraio, per l’evento di lancio della Campagna di promozione strategica di contrasto al fenomeno dell’Italian Sounding, tenutosi presso la residenza di S.E. l’Ambasciatrice d’Italia, Elena Basile. 

L’iniziativa - promossa dal Ministero di sviluppo economico in collaborazione con le Camere di commercio italiane nei Paesi esteri di Bruxelles, Lione, Marsiglia, Nizza, Francoforte, Monaco, Lussemburgo, Amsterdam, Londra, Barcellona, ​​Madrid e Zurigo - si è proposta di sensibilizzare i consumatori sui vantaggi derivanti dall’utilizzo del vero agroalimentare italiano, in un format che ha unito una parte di informazione e di conoscenza del valore del prodotto autentico italiano con quella più propriamente business, al fine di aumentare il collegamento delle imprese e dei territori italiani con il mercato estero.

Come cita anche il Presidente del Consorzio Vittorio Moretti: "Solo i prodotti autentici sono in grado di trasferire al consumatore tutto il patrimonio di valori materiali e immateriali, che sta alla base del loro processo di produzione. Nel caso del Franciacorta, il severo disciplinare che ne regola la produzione tutela e valorizza il lavoro condotto in vigna prima e in cantina poi. In questo modo i nostri vini riescono ad esprimere al meglio il terroir della Franciacorta: i suoi caratteri unici distinguono il Franciacorta sul mercato internazionali degli spumanti e conquistano i consumatori, più esigenti”.

Dopo una prima parte seminariale, in lingua italiana, francese e olandese sul progetto, gli ospiti sono stati guidati in una degustazione per poter apprezzare appieno tutti i prodotti presenti, utilizzati al termine della serata dalla Federazione Italiana Cuochi per preparare ricette tipiche a testimonianza del corretto uso degli ingredienti.

Hanno partecipato all’evento, su invito strettamente personale, oltre 200 persone tra giornalisti, influencer, buyer e ristoratori.