Osservatorio economico

Franciacorta ha intrapreso un preciso percorso di studi e ricerche per essere in grado di sviluppare strategie coerenti con le richieste dei consumatori, avendo sempre come faro la qualità del prodotto. L’Osservatorio economico Franciacorta, primo e unico strumento di rilevazione e analisi di dati certi nel settore vitivinicolo italiano, ne è l’esempio più evidente. Numerosi anche i progetti che il Consorzio promuove con istituti universitari, come il Cermes - Bocconi, o gli Enti locali e le associazioni per la difesa dell’ambiente.

Negli ultimi 50 anni Franciacorta ha raggiunto un ottimo grado di notorietà e un'eccellente crescita nel mercato italiano e internazionale.

I numeri del Franciacorta

5 marzo 1990

Nascita Consorzio Franciacorta

1995

Assegnazione DOCG

117

Le cantine associate

19

I comuni che costituiscono la Franciacorta (compreso il comune di Brescia)

2.800

Gli ettari vitati Franciacorta DOCG (82% Chardonnay, 14% Pinot Nero, 4% Pinot Bianco)

350

Gli ettari vitati Curtefranca DOC

17,4 milioni

Le bottiglie vendute nel 2016 di cui 1,7 vendute all’estero.

I risultati dell’export risultano incoraggianti a livello generale, con un aumento delle vendite complessivo del +15%. Il principale mercato si conferma il Giappone che ad oggi costituisce il 22% del totale, seguito da Svizzera che rappresenta il 15,2%. Interessanti le performance di crescita dei vari paesi: la Germania (13,2%) supera gli USA (12,4%) con una crescita di oltre il 24%, mentre il Giappone registra un ulteriore + 16%. Sorprendente il cambiamento in atto nei Paesi Scandinavi dove l’interesse verso Franciacorta è in netto aumento: la Norvegia riporta infatti un +249%, mentre la Svezia addirittura una crescita del 514% seppur su bassi volumi.